AICI | Il Presidente Valdo Spini sulla riunione dei Ministri della Cultura del G7
20702
post-template-default,single,single-post,postid-20702,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Il Presidente Valdo Spini sulla riunione dei Ministri della Cultura del G7

Il Presidente Valdo Spini sulla riunione dei Ministri della Cultura del G7

Trovo molto importante che l’occasione del vertice dei G7 in Italia venga colta per organizzare la prima riunione dei ministri della cultura di questi grandi paesi. Un ricordo personale. Il 12 marzo 1994 inaugurai da Ministro dell’Ambiente, con il Presidente del Consiglio Ciampi, la prima riunione informale dei ministri dell’Ambiente del G7 e lo feci nella stessa Sala Bianca di Pitti dove si inaugura oggi il vertice dei ministri della Cultura.
 
Questo allargamento del significato di questi vertici, spesso rituali e distaccati dall’opinione pubblica, è quindi molto importante. La cultura poi è un grande veicolo di dialogo e di collaborazione in un mondo così tormentato. Non a caso in Piazza della Signoria è stato eretto un arco di Palmira, copia di quello distrutto in Siria dall’Isis.
 
Oggi pomeriggio si riuniscono i ministri e quindi non potrò partecipare, ma sono invitato agli eventi che seguiranno.(Concerto di Muti e cena in Sala d’Arme di palazzo Vecchio). Domani poi sono invitato alla parte pubblica della riunione dove per l’Italia parlerà il Presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta.

Condividi post