AICI | Inaugurazione della mostra ‘900, La Stagione dei diritti. Quando la piazza faceva la storia.
21569
post-template-default,single,single-post,postid-21569,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Inaugurazione della mostra ‘900, La Stagione dei diritti. Quando la piazza faceva la storia.

Ott 22 2018

Inaugurazione della mostra ‘900, La Stagione dei diritti. Quando la piazza faceva la storia.

Inaugurazione della mostra ‘900, La Stagione dei diritti. Quando la piazza faceva la storia e primo incontro del ciclo “Justice. Stand up for your rights”
24 ottobre 2018, ore 18:30
Fondazione Giangiacomo Feltrinelli – Viale Pasubio 5, Milano

 

Milano 28 aprile del 1945, una Piazza Duomo stracolma a tre giorni dalla liberazione. Il centro di Londra, il 14 giugno 1913, con 5000 donne vestite di bianco che invadono la città nel nome di una militante suffragista. O Piazza Statuto a Torino il 7 luglio 1962 con migliaia di lavoratori che rivendicano maggiore sicurezza e salari adeguati. Nel corso del ‘900 la marcia per i diritti, individuali e collettivi, non è stata lineare. Ha affrontato battute d’arresto, ripiegamenti e conquiste inaspettate.

 

A raccontare gli snodi cruciali di questo percorso, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli promuove la mostra ‘900, la Stagione dei Diritti. Quando la piazza faceva la storia, dal 24 ottobre 2018 al 24 maggio 2019: una esposizione, a cura dello storico Marcello Flores, che a partire dal ricco patrimonio documentale di viale Pasubio racconta il difficile corso per la rivendicazione e il conseguimento dei diritti civili, politici, sociali del Secolo breve.

 

Monografie, riviste, manifesti, contenuti multimediali, documenti provenienti dal Fondo Archivio Storico Giangiacomo Feltrinelli Editore, fotografie originali e una installazione di realtà virtuale con visori 3D: il percorso multi-narrativo allestito in viale Pasubio 5 a Milano intende raccontare il clima culturale attraverso cui si sono sprigionati momenti di ribellione, lotte e riscatti.

 

La piazza come luogo di dibattito e testimonianza di un processo di emarginazione: da Plaza de Mayo, a Buenos Aires nel ’77, con le madri dei desaparecidos a Woodstock nel 1969, dallo stadio Soldier Field di Chicago dove Martin Luther King accese gli animi degli afroamericani agli scontri di Stonewall a New York, nel 1969, verso il riconoscimento dei diritti LGBTQ. Ma anche le piazze che hanno esaltato i sogni di dominio e avviato un processo di negazione dei diritti democratici, come nel caso di Piazza San Sepolcro dove il 23 marzo 1919 nascono i Fasci italiani di combattimento.

 

Dalle piazze di ieri ai movimenti di oggi: a inaugurare la mostra, il 24 ottobre alle 18.30, Pierfrancesco Majorino; Massimiliano Tarantino e Marcello Flores. A seguire l’incontro Justice: stand up for your rights \ Il Quinto Stato del precariato, con Aboubakar Soumahoro, sociologo e sindacalista del Coordinamento dei lavoratori agricoli USB, e Federico Martelloni, docente dell’Università degli Studi di Bologna.

 

L’appuntamento è il primo di Justice – Stand up for your rights, ciclo in collaborazione con Radio Popolare che intende dare un contributo alla conoscenza delle contestazioni che nascono dalla partecipazione di giovani e lavoratori. Donne e minoranze, voci critiche e cittadini, riconnettendo le piazze di ieri ai nuovi luoghi – anche virtuali – di oggi mettendo in dialogo storie, appartenenze e generazioni.

 

Condividi post