Fondazione Pietro Nenni - concorso Borse di Studio per ricerche su Pietro Nenni

    La Fondazione Pietro Nenni ha indetto un concorso per due Borse di Studio per ricerche sulla figura di Pietro Nenni. L’ammontare di ciascuna borsa è di € 4.000,00. Possono prendere parte al concorso i cittadini italiani che non abbiano superato i 35 anni di età al momento della pubblicazione del bando sul sito web della Fondazione www.fondazionenenni.it ( 30 gennaio 2017) e siano in possesso di laurea specialistica (o di dottorato di ricerca) conseguita nelle seguenti discipline: Storia, Lettere, Filosofia, Sociologia, Giurisprudenza, Scienze Politiche, Scienze della comunicazione o equipollenti.

    Leggi tutto

    Laboratorio di canto e musica medievale

    Il laboratorio prevede tre fasi di lavoro indicativamente tra febbraio e ottobre 2017, nel cui contesto saranno organizzati anche deiseminari di approfondimento sulle tecniche di composizione della messa e di ricostruzione degli strumenti. Tali momenti di formazione saranno coordinati dalla Fondazione Ugo e Olga Levi onlus. La prima fase di lavoro è in programma presso casa <a "href="http://www.fbsr.it/la-fondazione/casa-cozzi/">Luisa e Gaetano Cozzi dal 24 al 28 febbraio 2017.

    Le date delle successive tappe saranno concordate insieme ai partecipanti.

    Treviso, Casa Cozzi, 27 febbraio ore 10-13
    LEZIONE
    Rodobaldo Tibaldi, Università di Pavia, Dipartimento Di Musicologia e Beni musicali, Cremona
    La messa polifonica nel XV e XVI secolo: tipologie e tecniche compositive

     

    Bando laboratorio L’homme arme´

    Regolamento laboratorio

    L’homme arme´ Musica antica in casa Cozzi, è organizzata dalla Fondazione Benetton di Treviso e almamusica433 con la collaborazione della Fondazione Ugo e Olga Levi onlus e la direzione artistica del Maestro Stefano Trevisi.

    Concerto delle Ceneri

    XIV concerto delle ceneri

    1 marzo 2017, ore 20.30

    Venezia, chiesa dei Carmini

    Un concerto dedicato alla musica di Gioseffo Zarlino (1517-1590)
    nel Cinquecentesimo anniversario della nascita.

     

    Ensemble vocale Odhecaton, diretto da Paolo Da Col

     

    Saranno eseguite musiche di

    Josquin Desprez  (ca. 1450-1521)

    Gioseffo Zarlino (1517-1590)

    Cipriano de Rore (1516-1565)

    Adrian Willaert (1490-1562)

    Giovanni Croce (ca. 1557-1609)

     

    (in collaborazione Fondazione Teatro La Fenice, Chorus – Associazione per le chiese del Patriarcato di Venezia)

     

    http://www.fondazionelevi.it/event/xiv-concerto-delle-ceneri/

    Historiae

    Repertorio e ricerca sull'Ufficio divino nel canto Medievale
    Venezia, 26-29 gennaio 2017
    Fondazione Ugo e Olga Levi

    La Fondazione Ugo e Olga Levi onlus, con il sostegno del Fritz Thyssen Stiftung, ospiterà un simposio accademico con un team di studiosi internazionali, per affrontare il tema della Historiae.

    Le Historiae costituiscono una vasta area di ricerca, offrendo numerose opportunità per nuove scoperte e interpretazioni.
    L'incontro ha lo scopo di esaminare il repertorio e definire le sue caratteristiche principali, individuare gli aspetti che necessitano di un esame più attento, e suggerire indicazioni per la ricerca futura.

    Programma e abstract

    Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; t. 041 786777

     

    Accademia Nazionale di San Luca - Convegno internazionale Vedere in maniera ideale e percepire le forme ideali durante il Rinascimento

     

    Il 12 e il 13 dicembre 2016 presso l’Accademia Nazionale di San Luca si terrà il Convegno Internazionale Vedere in maniera ideale e percepire le forme ideali durante il Rinascimento organizzato dall’Institut für Kunstgeschichte (LMU München), École Pratique des Hautes Études (Sorbonne) e l’Accademia Nazionale di San Luca a cura di Sabine Frommel e Ulrich Pfisterer.
    Tra il XV e il XVI secolo l’ideale estetico e le sue espressioni divennero nuovamente un problema centrale. Il pensiero teorico relativo all’ideale e alla bellezza, da Leon Battista Alberti a Giordano Bruno, è radicato in prospettive culturali che variano in conformità di ambienti politici e sociali. Uno stesso fenomeno può essere percepito in maniera diversa, a seconda del genere e dell’estrazione culturale dell’osservatore, nonché da alcuni stati psicologici, come l’estasi religiosa. Oltre alla nozione dell’«ideale assoluto» - sia che esso fosse definito in modo razionale (ad esempio attraverso operazioni aritmetiche), o concepito come inaccessibile alla condizione umana (come nel caso di Dio) -, emergeva in ugual misura l’idea che la presunta forma ideale intrattenesse necessariamente un dialogo bilaterale e continuo con i criteri culturali preesistenti, introducendo in tal modo una relatività dell’ideale. Una tale relatività vale, in linea di massima, per tutte le percezioni umane. Alcuni di questi concetti raggiunsero le botteghe e gli artisti cercarono di coniugarli con tradizioni che si riferiscono alla fabbricazione, ai materiali e alle tecniche, delle volte non facilmente compatibili con l’ideale estetico. Aumentò, in tale epoca, la consapevolezza del fatto che la percezione delle forme ideali non fosse regolata da un processo semplice, ma dipendesse dalla complessa interazione di diversi componenti. Le modalità ottiche di percezione, volte ad apprezzare l’ideale e la bellezza in modo adeguato, conobbero contemporaneamente uno straordinario approfondimento.
    Nell’ambito di un simile approccio, che comprende al tempo stesso gli oggetti, così come il processo visivo della percezione, la questione dell’ideale e della bellezza nel Rinascimento non è stata ancora sufficientemente studiata. È da questa prospettiva che il convegno si propone di lanciare una serie di sfide che si sono distinte finora all’interno del dibattito scientifico, dibattito che peraltro non ha mai indagato in maniera soddisfacente le dinamiche reciproche all’interno dei diversi generi. I contributi cercheranno di esaminare inoltre la storia dei saperi e delle scienze relative agli ideali e alle idee di bellezza, al fine di meglio comprendere i problemi con cui la ricerca si confronta ancora oggi.

     

    Programma

    Leggi tutto

    Fondazione Giuseppe Di Vagno - "Premio di Ricerca"

    La Fondazione  "Giuseppe Di Vagno (1889-1921)" bandisce il“PREMIO DI RICERCA Giuseppe DI VAGNO”edizione 2017, che ha come oggetto: “Migrazioni, mediterraneo, sviluppo: il ruolo delle socialdemocrazie europee” dell’importo biennale di €uro 40.000,00 lorde, riservato a studiosi europei di età non superiore a 32 anni.

    Leggi tutto

    Fondazione Ugo Spirito e Renzo de Felice - Nuove prospettive storiografiche: ricerca e didattica

    CORSO DI FORMAZIONE
    “NUOVE PROSPETTIVE STORIOGRAFICHE: RICERCA E DIDATTICA”

    Domani, giovedì 17 novembre, prenderà avvio il corso di aggiornamento “Nuove prospettive storiografiche: ricerca e didattica”, rivolto ai docenti di Scuola Secondaria di I e II grado.
    Il corso, della durata di 25 ore (20 di lezione e 5 di tutoraggio) è riconosciuto dall’Ufficio Scolastico Regionale.
    Di seguito il programma degli incontri.

    Leggi tutto

    Mondo cattolico e sindacato

    Isacem-Istituto per la storia dell'Azione cattolica e del movimento cattolico in Italia Paolo VI

    Roma, 18 novembre 2016
    Domus Mariae, via Aurelia, 481

    L’Isacem promuove un convegno su Mondo cattolico e sindacato per venerdì 18 novembre 2016 alle ore 15.30 presso la Domus Mariae di Roma. L’iniziativa costituisce un momento di approfondimento di un aspetto importante del movimento sindacale italiano.

    Dopo l’introduzione di Raffaele Cananzi, presentano una relazione Mario Taccolini, Andrea Ciampani e Aldo Carera.

    Seguono le testimonianze di Franco Bentivogli e Franco Marini.

    Alle 19.00, alla presenza di Annamaria Furlan e Matteo Truffelli, si tiene l’inaugurazione della Biblioteca centrale della Cisl, donata all’Istituto.

    Con i 25.000 volumi e i 1.100 periodici, rappresenta un patrimonio prezioso per rilanciare lo studio delle organizzazioni del lavoro.

    Per maggiori informazioni consultare il sito web www.isacem.it.

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.