AICI | IV Edizione del Seminario Nazionale Costruttori Ponti – La scuola aperta sul mondo
21273
post-template-default,single,single-post,postid-21273,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

IV Edizione del Seminario Nazionale Costruttori Ponti – La scuola aperta sul mondo

Apr 04 2018

IV Edizione del Seminario Nazionale Costruttori Ponti – La scuola aperta sul mondo

A Firenze la IV Edizione del SEMINARIO NAZIONALE  COSTRUTTORI PONTI  – La Scuola aperta sul mondo

Giovedì 5 e venerdì 6 aprile 2018 a Firenze

 

Scarica:

PROGRAMMA COMPLETO

SCHEDA ISCRIZIONE

INFO SOGGIORNO A FIRENZE

Scopri i luoghi del Seminario > sulla MAPPA (pdf)

 

Seminario nazionale promosso da Istituto Alcide Cervi, Centro Internazionale Studenti Giorgio La Pira di Firenze, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Comune di Firenze.  In collaborazione con Ufficio Scolastico regionale per la Toscana, Fondazione Migrantes e Associazione MUS-E.

 

Dopo i primi tre seminari nazionali, nel 2015, 2016 e 2017 a Casa Cervi, luogo di memoria nazionale per la storia della Resistenza e della democrazia nel nostro Paese, quest’anno Costruttori di ponti va in città, a Firenze, il 5 e 6 aprile 2018.

Perchè a Firenze? Perchè questa è la città dei ponti: la città di Calamandrei, fondatore della rivista “Il Ponte” e padre della Costituzione, che ha appena compiuto 70 anni. La città di Giorgio La Pira, sindaco di Firenze dl 1951 al 1965, tessitore di dialogo tra popoli e culture, a cuiè intitolato il Centro Internazionale per gli studenti di cui ricorrono quest’anno i 40 anni. E siamo nella città, o meglio nella sua ”periferia”, della scuola di don Lorenzo Milani, un altro costruttore di ponti, che a Barbiana aveva fondato una scuola inclusiva, democratica e popolare.

Il tema di quest’anno è “La scuola aperta sul mondo”, una realtà di fatto, per la composizione delle classi con allievi delle più diverse provenienze, lingue, religioni, e una finestra aperta sul mondo, sul nostro Paese e sull’Italia di domani. Una sfida per l’educazione, ma anche un’occasione di cambiamento, per cui c’è bisogno di ponti e di insegnanti costruttori. Da sempre i ponti vengono costruiti con i materiali più diversi: l’arte di costruire è la capacità di combinare i materiali, le tecniche e gli strumenti. Questa abilità è il mestiere degli educatori e dei costruttori di pace.

Il seminario è suddiviso in sei sessioni tematiche parallele che ospitano analisi, esperienze, testimonianze e un confronto aperto di idee e proposte sulle pratiche di educazione alla cittadinanza in classe, sul dialogo interreligioso, sull’arte come strumento di integrazione, sul plurilinguismo, su Giorgio La Pira e la Costituzione, Don Milani e le periferie, e sui racconti delle scuole provenienti da diverse parti d’Italia e del mondo. Dalle avventure del Pinocchio arrivato dall’Africa agli esercizi di democrazia del cantastorie proveniente dalla Birmania, ai diari di viaggio delle insegnanti di lingua rumena nelle scuole italiane, degli insegnanti, dirigenti e alunni italiani nelle scuole della Cina e degli Stati Uniti. Il seminario si rivolge a insegnanti e dirigenti scolastici, a studenti e operatori culturali, a rappresentanti degli Enti locali e del volontariato.

Leggi tutto.

Condividi post