Marghera Città Giardino - Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - AICI
22409
post-template-default,single,single-post,postid-22409,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Marghera Città Giardino – Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

Ott 09 2019

Marghera Città Giardino – Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

8 ottobre 2019, palazzo Loredan – Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

 

Giornata di studi

Il 2019 è l’anno del centenario della realizzazione di un nuovo ‘quartiere urbano’ per circa 30.000 abitanti a Marghera, sulla base di un piano dell’ingegnere milanese Pietro Emilio Emmer. Il programma era quello di una “città-giardino” costituita da ville nel verde, destinate in primis agli operai del porto e della vicina zona industriale, ma anche ad una parte della popolazione della città lagunare. Questo esempio merita di essere analizzato nel quadro dei primi cinquant’anni del Novecento, gli ultimi nei quali Venezia ha davvero pianificato le sue trasformazioni alla grande scala e ha stabilito relazioni internazionali significative: Venezia e l’Europa, dunque il contesto nel quale la proposta si colloca. Vale la pena di ricordare infatti che proprio nel 1919 sir Ebenezer Howard (il celebre promotore del movimento sulle Garden Cities in Inghilterra) aveva acquisito nel Hertfordshire un terreno da destinare alla realizzazione di Welwyn, a circa 20 miglia dal centro di Londra. L’anno dopo, su progetto di Louis de Soisson, era stata avviata la costruzione del celebre insediamento che ha poi costituito un modello di organizzazione della residenza per l’intera Europa. I due sobborghi sono non solo contemporanei, ma confrontabili sul piano del disegno. D’altra parte il 23 luglio 2018, il MIBACT dichiara la Città-giardino di Marghera “area di notevole interesse pubblico”, trattandosi di “un insieme caratteristico del Novecento che testimonia una fase significativa della storia della città e delle teorie urbanistiche” , per questo da “sottoporre a tutela” (GU, Serie Generale n. 195, 23 agosto 2018).

 

Nell’ambito della giornata di studi, giovedì 24 ottobre alle ore 17.30, si terrà a palazzo Franchetti la proiezione del film di Andrea Segre Il pianeta in mare, presentato fuori concorso alla 76ª Mostra del Cinema di Venezia.

 

 

Condividi post