Accademia Lucchese di Scienze, Lettere e Arti - AICI
22421
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-22421,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Accademia Lucchese di Scienze, Lettere e Arti

Accademia Lucchese di Scienze, Lettere e Arti

L’Accademia Lucchese di Scienze, Lettere ed Arti nacque come Accademia degli Oscuri a Lucca nel 1584, sul modello dell’Accademia degli Intronati di Siena. Le riunioni si svolgevano di volta in volta nei palazzi dei vari soci.

 

Nel 1805 essa venne ribattezzata “Accademia Napoleone”. Con la Restaurazione fu ripristinato l’antico nome e successivamente, sotto il governo borbonico, ottenne il titolo “Reale“.

 

Nel 1819 l’Accademia ebbe la sede istituzionale nel Real Liceo fino al 1938, quando si trasferì nel Palazzo Ducale, dove è rimasta fino al 2015.  Oggi è collocata nel Palazzo Pretorio. La sua biblioteca è in deposito presso la Biblioteca Statale di Lucca.

 

In ogni campo l’Accademia ha annoverato soci di grande valore e di rilievo nazionale e internazionale, tra i quali J.-L. Lagrange, G. Monge, P.-S.  Laplace, A. Volta, C. Piaggia, V. Monti, G. Pascoli, A. Catalani, G. Puccini, F. Carrara e G. Pera.

 

Negli anni l’Istituzione – ripartita nelle tre classi di Scienze, Lettere e Arti – ha svolto un’intensa attività culturale, specie nell’ambito degli studi di Storia Patria. La sua attività è proiettata nel futuro attraverso una fitta rete di relazioni con studiosi italiani e stranieri e tramite collaborazioni con università e prestigiose accademie.

 

Condividi