AICI | Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia
20055
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-20055,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia

Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia

L’Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia fu fondata a Roma il 1° marzo 1910 da Pasquale Villari e Leopoldo Franchetti, che ne furono i primi presidenti.

 

L’ANIMI, in un’ottica di filantropia sociale, interveniva con pronte e straordinarie iniziative di assistenza in occasione di calamità naturali, ma la fondazione di numerosi asili d’infanzia e l’organizzazione di parecchie centinaia di scuole, per bambini e per adulti, serali, diurne e festive, le valsero un posto di duraturo rilievo nella storia dell’educazione popolare in Italia.

 

Nella convinzione che la cultura e la conoscenza delle radici storiche fossero irrinunciabili per ogni progresso civile, l’ANIMI sempre svolse una intensa attività scientifica e archeologica. Fin dal 1920, Zanotti Bianco aveva fondato la “Società Magna Grecia” con lo scopo di promuovere scavi archeologici e studi sui reperti, nonché di restaurare monumenti e istituire o ampliare nuovi musei, che contemplassero soprattutto la civiltà delle colonie greche e delle genti indigene nell’Italia Meridionale.

 

La ‘Società’ effettuò campagne di scavo a Velia, Cirò (Tempio di Apollo Aleo), Sibari, Metaponto, Taranto, Peschici, Matera, Himera, Leontini, Agrigento, S. Angelo Muxaro. Tra le pur importanti scoperte, come per esempio la localizzazione di Sibari, straordinaria fu quella del tempio di Hera Argiva, alle foci del Sele.

 

La Società continua ad operare nel Mezzogiorno d’Italia. I risultati delle sue ricerche confluiscono nel periodico “Atti e Memorie della Società Magna Grecia”, che a partire dal 1928, è giunto oggi alla Quinta Serie. La Rivista ha concluso la pubblicazione dei Pinakes locresi, ovvero di un importantissimo patrimonio di oltre 5.000 frammenti di tavolette fittili votive del VI-V sec. a. C., scoperti da Paolo Orsi e custoditi nei Musei di Reggio Calabria e di Locri.

 

Presidente: Gerardo Bianco

 

P.zza Paganica, 13 int. 2

00186 Roma

Tel. 06 68136846 Fax 0 6 68136142

assmezz@tin.it

www.animi.it

 

Condividi