AICI | Istituto Gramsci Toscano
20983
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-20983,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Istituto Gramsci Toscano

Istituto Gramsci Toscano

L’Istituto Gramsci Toscano è una associazione culturale senza fini di lucro che ha come obbiettivo quello di favorire la ricerca e il lavoro degli studiosi, incoraggiando lo studio degli archivi politici e la consultazione del patrimonio librario della Biblioteca. Finalità dell’Istituto è inoltre la diffusione della conoscenza delle trasformazioni sociali, politiche e culturali dell’età contemporanea, attraverso l’organizzazione a cadenza periodica di convegni, seminari, corsi di formazione, attività didattica e presentazione di libri.

 

L’Istituto vanta, oltre ad una documentazione storica sulle proprie iniziative, un patrimonio documentario di oltre 2.000 unità, suddivise in 21 fondi. Sono fondi del Novecento prodotti da persone ed enti in stretta correlazione con la vita del Partito comunista di Firenze e con le evoluzioni di questo negli anni successivi. In particolare si tratta di 10 di enti collettivi che raccolgono la documentazione sull’attività e sull’amministrazione del partito sul territorio (atti dei congressi, atti amministrativi, verbali, protocolli, attività di propaganda, tesseramenti): Federazione fiorentina del Partito Comunista Italiano (inizi anni ‘50, fine anni ‘80), il quotidiano “Il Nuovo Corriere” (1945-1989), Unione Regionale Toscana Pci-Pds (1970-2006), Sezione “Frosali” di Sesto Fiorentino (1948-1980), cellula Montecatini (1946-1959) e Manifattura Tabacchi, Federazione fiorentina dei Democratici di Sinistra (1990-2007), Unione Regionale Pds-Ds (1989-2007), Sezione Pds-Ds San Francesco di Pelago (1989-2007), Circolo provinciale dell’Unione Donne Italiane (1944-1983). 11 fondi di persona (carte private di amministratori locali, dirigenti e militanti del PC fiorentino, dell’antifascismo e della Resistenza nella provincia di Firenze): Mario Gozzini, Piero Pieralli, Adalberto Pizzirani, Silvano Peruzzi, Loretta Montemaggi, Catia Franci, Angelo Bizzarri, Sirio Ungherelli, Carlo Baccetti, Elsa e Cesare Massai. Arricchiscono il patrimonio archivistico raccolte di materiale iconografico (manifesti, bandiere, tessere, vessilli), fotografico (fotografie, diapositive, rullini), audio-visivo (registrazioni audio, pellicole cinematografiche) dagli anni 70 in poi, provenienti prevalentemente dal fondo della Federazione fiorentina e da quello dell’Istituto.

Il patrimonio librario dell’Istituto, che dal 1999 aderisce al Sistema documentario integrato dell’area fiorentina (SDIAF), è costituito da circa 23.7000 volumi ed opuscoli sulla storia del movimento e del pensiero politico democratico, socialista ed operaio nazionale ed internazionale, con sezioni di economia, sociologia, filosofia. La biblioteca conserva fondi personali, molti dei quali donati insieme alla documentazione archivistica, una ricca raccolta di periodici italiani ed internazionali di carattere storico-politico e collezioni di quotidiani.

 

Gli utenti dell’Istituto Gramsci sono principalmente docenti e studiosi delle Facoltà Universitarie di Storia, Filosofia, Archivistica, Scienze Politiche e Sociali, ma frequentano archivio e biblioteca anche semplici appassionati di storia e politica.

 

Condividi