Presentazione del volume “La lunga vita della legge urbanistica del ’42” di Mariella Zoppi e Carlo Carbone - AICI
22727
post-template-default,single,single-post,postid-22727,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Presentazione del volume “La lunga vita della legge urbanistica del ’42” di Mariella Zoppi e Carlo Carbone

La lunga vita della legge urbanistica
Feb 11 2020

Presentazione del volume “La lunga vita della legge urbanistica del ’42” di Mariella Zoppi e Carlo Carbone

Mercoledì 12 febbraio 2020, alle ore 17.30, nella Sala della Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice (Piazza delle Muse, 25), sarà presentato il volume La lunga vita della legge urbanistica del ‘42 di Mariella Zoppi e Carlo Carbone, postfazione di Andrea Torricelli (Didapress, Firenze 2018).

 

Con gli autori, ne parleranno: Giuseppe Parlato, presidente della Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice e ordinario di Storia contemporanea nella Unint di Roma, e Danilo Breschi, professore associato di Storia delle dottrine politiche nella Unint di Roma e consigliere di amministrazione della Fondazione.

 

Il libro

 

Questo non è un libro di storia e non è un libro di urbanistica. È il tentativo di ricostruire la singolare vicenda della longevità della legge urbanistica del 1942 per capire la logica della sua resilienza, trarre indicazioni per il presente e tentare di impostare ipotesi di lavoro, in un momento in cui l’Italia sembra, con oscillanti e sempre più tenui segnali di ripresa, incapace di dare risposte positive alle aspirazioni dei suoi cittadini.

 

Ripercorrendo le vicende della legge, gli autori ricompongono la sconcertante ciclicità delle situazioni e delle reazioni oscillanti fra grandi speranze e regressioni, contrassegnate da un’arretratezza sempre presente, che si manifesta in uno sfruttamento permanente del territorio che pur con modalità diverse, resta sempre uguale a sé stesso. In sintesi, c’è sempre qualcuno che ‘paga’: i contadini nel primo dopoguerra, gli operai nella successiva industrializzazione, i lavoratori a domicilio negli anni del boom delle piccole e medie imprese, i giovani costretti ad andare all’estero per realizzare le loro aspirazioni o quanti arrivano (donne e uomini senza rappresentanza) oggi.

 

L’ultimo rapporto Censis parla di un’Italia dei rancori, incapace di affrontare i grandi temi dai giovani all’ambiente, e di un paese ripetutamente ferito dai crolli di scuole, ponti, abitazioni. Un territorio fuori controllo e una disciplina sotto accusa, ma c’è un quesito che non si può eludere: ha fallito l’urbanistica come disciplina o ha fallito una politica che non ha saputo o voluto orientare quanto sul territorio andava manifestandosi?

 

Gli autori

 

Mariella Zoppi è ordinario emerito di Architettura del paesaggio nella Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze, di cui è stata preside. Esperta nel campo della pianificazione urbanistica, ha redatto diversi piani regolatori, tra cui quelli di Reggio Emilia e di Perugia. È stata assessore regionale in Toscana, visiting professor a Berkeley CA (Usa) e progettista di alcuni parchi, tra cui quello del bacino remiero di Castelfedels per le Olimpiadi di Barcellona del 1992. È autrice di numerose pubblicazioni sui problemi urbanistici, sulla qualità della vita e dell’ambiente, sul verde urbano, sulla storia del giardino europeo.

Carlo Carbone, architetto, è stato ricercatore e docente nelle Università degli Studi di Firenze e di Parma. Si occupa di Urbanistica e Morfologia urbana oltre che di Analisi e Pianificazione territoriale. È autore di diversi studi su questi temi.

 

Dettagli

 

Data: 12 Febbraio 2020

Ore: 17:30 – 19:30

Luogo: Fondazione Ugo Spirito e Renzo De Felice (Piazza delle Muse, 25, Roma, 00197 Italia)

 

 

Condividi post