Cultura. Valdo Spini: ingresso contingentato per biblioteche conservative e archivi - AICI
24552
post-template-default,single,single-post,postid-24552,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Cultura. Valdo Spini: ingresso contingentato per biblioteche conservative e archivi

Dic 02 2020

Cultura. Valdo Spini: ingresso contingentato per biblioteche conservative e archivi

Il Presidente dell’Associazione delle Istituzioni Culturali Italiane (Aici) Valdo Spini ha dichiarato:

 

“Mi auguro che il prossimo DPCM prenda in considerazione anche la situazione drammatica dei giovani studiosi ricercatori, e dottorandi, cui è stato precluso dal DPCM 3 novembre 2020 l’accesso agli archivi e alle biblioteche conservative, con grave danno non solo per la loro formazione ma per le loro stesse carriere scientifiche e universitarie.

 

Le biblioteche e gli archivi non sono luoghi frequentati, ma sono strutture culturali dov’è conservato il passato e senza accedere alle quali gli storici e non solo loro non possono fare il loro mestiere.

 

Credo che per gli archivi e le biblioteche conservative, viste proprio le caratteristiche delle attività di studio e di consultazione, si possa andare a quell’ingresso contingentato che è consentito in altri locali, magari più esposti di questi ai rischi della diffusione della pandemia.  Le attività di consultazione sono evidentemente controllabili e possono essere controllate.

 

L’Aici raccoglie quindi e rilancia l’appello che è venuto da varie parti ed in particolare dal mondo dei giovani studiosi perché si rimuova la chiusura e si passi ad un ingresso contingentato elle biblioteche conservative e mei musei in modo da restituire ai giovani la possibilità di non perdere preziose opportunità di lavoro e di formazione.

Condividi post