I manifesti degli studenti per il progetto europeo Breaching the Walls. We do need education! - AICI
26068
post-template-default,single,single-post,postid-26068,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

I manifesti degli studenti per il progetto europeo Breaching the Walls. We do need education!

Lug 15 2021

I manifesti degli studenti per il progetto europeo Breaching the Walls. We do need education!

La Fondazione Gramsci Emilia-Romagna ha il piacere di pubblicare gli 11 poster che sono il prodotto di una delle fasi di Breaching the Walls. We do need education!, progetto internazionale promosso dalla Fondazione finanziato dal programma “Europa per i cittadini 2014-2020”. “Breaching the walls” è dedicato alla rielaborazione critica, attraverso un coinvolgimento plurale di istituzioni e cittadini, della storia e della memoria della caduta del Muro di Berlino e degli eventi da questa scatenati. I lavori sono stati realizzati dalle studentesse e dagli studenti classe 5AGC Grafica e Comunicazione dell’Istituto Aldini Valeriani di Bologna coordinati dal prof. Gastone Cantarini durante il laboratorio da condotta da BAUMHAUS, CHEAP e ANDREA BRUNO.

 


Il percorso ha approfondito e problematizzato il concetto di muro – tanto nell’accezione materica/concreta quanto in quella astratta/concettuale – e ha, al contempo, dato risalto alla prospettiva delle nuove generazioni.

Quanti e quali sono i muri che popolano le nostre esistenze? Quanti quelli che dominano le nostre dinamiche relazionali? Quanti quelli eretti per difesa o paura? I muri sono solo elementi negativi da abbattere? Queste alcune delle domande emerse a cui gli undici elaborati provano a rispondere in maniera creativa, per una riflessione sul presente che parte da uno sguardo sul passato e realizzata da chi sarà protagonista del futuro.

 

Il laboratorio, che era stato avviato il 25 gennaio scorso, ha avuto la fortuna di svolgersi in buona parte in presenza. La classe ha lavorato a coppie, ognuna su un concetto diverso, dandosi come unica coordinata comune la scelta della bicromia, in modo da garantire uniformità cromatica tra le diverse illustrazioni. Il processo di realizzazione delle illustrazioni è stato cadenzato da una serie di incontri online, per confrontarsi sulla coerenza con il concept di riferimento e sulla necessità di effettuare eventuali modifiche grafiche.

 

I poster sono di: Francesco Pascucci e Mattia Cocchi | Giacomo Bedendo e Natalie Ursua | Fiona Berti e Sonia Baldi | Jessica Caliendo e Alessio Bernardini | Maurizio Formicola e Sara Palaia | Giada Grimaldi e William Fabbri | Anna De Michele e Diego Reali | Elisa Mattia e Riccardo Rienzi | Miriam Papa e Mattia Parentelli | Carolina Alberghini e Giacomo Vignali | Sharon Bebiem e Alessia Negro.

 

A completare la raccolta dei lavori vi è anche un “dono” di Andrea Bruno: un suo lavoro inedito prodotto per l’occasione con il medesimo concept grafico.

 

Il racconto completo di questa parte del progetto e i lavori degli studenti saranno pubblicati nel Quaderno del progetto Breaching The Walls, una pubblicazione che racconterà, grazie ai contributi dei responsabili scientifici e di tutti i partner, le fasi, i risultati della ricerca, le opinioni e le esperienze. Il quaderno sarà pubblicato nell’autunno del 2021, a conclusione del progetto.

 

Gli 11 poster e quello di Andrea Bruno sono stati affissi in questi giorni nella call 2021 di CHEAP ed è possibile vederli in VIA SAN GIACOMO a Bologna.

 

 

 

 

Condividi post