Il Presidente dell’AICI Valdo Spini sullo sfratto intimato all’Istituto storio del Medioevo dal Comune di Roma. - AICI
24481
post-template-default,single,single-post,postid-24481,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Il Presidente dell’AICI Valdo Spini sullo sfratto intimato all’Istituto storio del Medioevo dal Comune di Roma.

Nov 23 2020

Il Presidente dell’AICI Valdo Spini sullo sfratto intimato all’Istituto storio del Medioevo dal Comune di Roma.

Valdo Spini presidente dell’Associazione delle Istituzioni Culturali Italiane (Aici) che raggruppa 125 tra le più importanti fondazioni e istituti culturali del nostro paese lancia un appello al ministro per i beni culturali, Dario Franceschini perché intervenga sulla questione dell’Istituto Storico del Medioevo (ISME) che Spini definisce come una struttura culturale di grande importanza per l’Italia. Il comune di Roma ha inviato lo sfratto entro novanta giorni dalla sede che l’Isme occupa da cento anni in Piazza dell’Orologio e in cui gli studiosi possono trovare una preziosa biblioteca di piu’ di 100.000 volumi.

 

“Credo che si debba assolutamente trovare una soluzione che salvaguardi la sede e con essa l’attività scientifica dell’Isme, sottolinea Spini. Che in un periodo di lockdown si debbano verificare fatti del genere sembra assolutamente paradossale.”

Condividi post