La “seconda ondata” - AICI
24370
post-template-default,single,single-post,postid-24370,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

La “seconda ondata”

Nov 12 2020

La “seconda ondata”

La “seconda ondata” della pandemia si è abbattuta sul Piemonte, con gravi ripercussioni sulle attività economiche, sulla vita sociale e culturale. Anche la Fondazione Donat-Cattin deve adeguare i suoi progetti alle nuove norme che sono state emanate per contenere il coronavirus. Le iniziative che avevamo programmato sono quindi sospese; comunicheremo tempestivamente quali di queste saranno riprogrammate non appena la fine dell’emergenza lo consentirà, e quali invece saranno confermate a distanza e con gli strumenti dello streaming e dei webinar.
Annunciamo fin d’ora che sarà riprogrammata la mostra “Dal medico condotto al Servizio Sanitario Nazionale”, organizzata in collaborazione con il Ciso Piemonte, che costituiva un po’ il fiore all’occhiello della nostra attività autunnale. Allo stesso modo saranno riprogrammate le iniziative collaterali alla mostra, tra cui l’attesa “lezione” di Renato Balduzzi, docente di diritto costituzionale all’Università Cattolica ed ex Ministro della Sanità, che era prevista per il 19 novembre.
La nostra newsletter informerà tempestivamente su tutte le altre novità.
Condividi post