Fondazione Mudima - AICI
26434
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-26434,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Fondazione Mudima

Fondazione Mudima

La Fondazione Mudima di Milano riconosciuta dalla regione Lombardia, è la prima fondazione italiana costituita per l’arte contemporanea.

 

Nasce all’inizio del 1989 con lo scopo di realizzare un programma articolato dedicato alle esperienze internazionali nel settore dell’arte visiva, della musica e della letteratura contemporanea.

 

Non ha finalità di lucro e non distribuisce utili e si prefigge di promuovere ed organizzare nell’ambito regionale, nazionale e internazionale lo studio e la conoscenza dell’arte soprattutto contemporanea, di promuovere e facilitare la divulgazione dell’educazione artistica nella collettività, nonché di operare quale punto di riferimento per gli amanti dell’arte, per i critici e per gli studenti.

 

La fondazione persegue i suoi obiettivi attraverso l’organizzazione di mostre d’arte, performance, concerti, convegni, seminari, la cura e l’edizione di pubblicazioni specializzate ed ogni altra iniziativa idonea a perseguire l’oggetto sociale.

 

La fondazione svolge inoltre una fitta attività di promozione ed organizzazione di meeting e conferenze su temi di cultura contemporanea e una fitta attività editoriale riguardante le mostre organizzate, con cataloghi, monografie e libri dedicati agli artisti.

 

L’attività di ricerca della Fondazione Mudima è incentrata, prevalentemente, sulle analisi delle avanguardie artistiche e musicali del secolo scorso, in particolare il Futurismo, Fluxus, Gutai e Mono-ha.

 

Il Futurismo è stato oggetto di innumerevoli studi ed approfondimenti. Collaborando con illustri studiosi, storici, critici d’arte, musicisti, compositori e musicologi abbiamo messo a fuoco una serie di pubblicazioni su alcuni dei protagonisti della creazione artistica e musicale di questo movimento.

 

Fluxus rappresenta forse il campo di indagine principale dell’attività della fondazione. La Fondazione Mudima infatti, a partire dai primi anni ’90, ha organizzato nella sua sede milanese varie mostre personali degli artisti Fluxus ed è diventata un punto di riferimento in Italia per questo movimento, con un’ampia collezione di opere, documentazioni video, audio e fotografiche, manifesti, libri, riviste ed edizioni degli artisti stessi.

 

La fondazione ospita inoltre nella sua sede milanese uno degli environment più importanti dell’artista fluxus tedesco Wolf Vostell che fu presentato nel 1977 a dOCUMENTA di Kassel e poi ricostruito nel seminterrato.

 

La Fondazione Mudima persegue da diverso tempo un progetto culturale di grande respiro volto ad intensificare il rapporto tra l’Italia e i Paesi dell’Estremo Oriente, rappresentando da sempre un luogo di incontro per artisti asiatici in Italia. La fondazione si occupa ormai da tempo dei due movimenti principali delle avanguardie storiche giapponesi, Gutai e Mono-ha. Ne sono testimoni un’ampia raccolta di volumi dedicati all’arte asiatica contemporanea, opere, documentazioni video e audio, libri, edizioni e la grande mostra dedicata a Mono-ha organizzata negli spazi della fondazione nel 2015.

 

La Musica contemporanea d’avanguardia è infine un altro campo di indagine e di ricerca approfondito dalla Fondazione Mudima con numerose pubblicazioni.

 

 

Fondazione Mudima

Via Alessandro Tadino, 26 – 20124 Milano

Tel +39.02.29409633

Mail info@mudima.net

Pagina web  www.mudima.net

Facebook: facebook.com/fondazionemudima/

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCdBVYngBHxnV0CycuNRUMAg

Instagram:https://www.instagram.com/fondazionemudima/

 

 

Organigramma:

Presidente Gino Di Maggio

Direttore Irene Di Maggio

Chief Curator Gianluca Ranzi, Davide Di Maggio

Art Director Fayçal Zaouali

Segreteria Serena Vita

Web Manager Enrico Pirotta

Fotografo Fabio Mantegna

Condividi