Presentazione del volume: “Sopravvissuta a Ravensbrück” - AICI
27143
post-template-default,single,single-post,postid-27143,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Presentazione del volume: “Sopravvissuta a Ravensbrück”

Mag 11 2022

Presentazione del volume: “Sopravvissuta a Ravensbrück”

Sarà lo storico e vice presidente dell’ANRP Luciano Zani a moderare la presentazione del libro Sopravvissuta a Ravensbrück. Giuseppina Panzica, la mamma che salvò gli ebrei (Edizione Il Pozzi di Giacobbe) di Gerardo Severino e Vincenzo Grienti. Alla presentazione interverranno studiosi, storici e ricercatori del calibro di Lello Dell’Ariccia, Lutz Klinkhammer e Rosina Zucco. E’ l’8 settembre 1943 e l’Italia è divisa in due. Al sud avanzano gli Alleati dopo lo sbarco in Sicilia del 10 luglio, al nord la Repubblica Sociale Italiana e quel che resta del regime di mussoliniano ancora fedele al Terzo Reich. Sono giorni di caos, soprattutto dopo la firma dell’armistizio di Cassibile, il proclamo del maresciallo Pietro Badoglio e la fuga del Re a Brindisi. La Resistenza si organizza con l’aiuto dell’Oss, i servizi d’intelligence americani, la futura CIA mentre nella capitale e in altre città italiane i tedeschi in ritirata compiono stragi, razzie, soprusi e rastrellamenti. Chi si rifiuta di restare con gli ex alleati viene imprigionato e deportato nei campi di lavoro. Il 16 ottobre del 1943 è una data che segna la mente e i cuori di molte persone: la deportazione degli ebrei di Roma e l’internamento di oltre 650mila militari italiani che si rifiutano di continuare la guerra a fianco di Mussolini e Hitler. Sullo sfondo della grande storia si staglia la vicenda di Giuseppina Panzica, una donna siciliana di Caltanissetta, madre di quattro figli e moglie del finanziere in congedo Salvatore Luca. Una coppia di emigranti che…

 

Continua a leggere sulla pagina dell’evento

 

Condividi post
Tag