Un partito di popolo - Il Partito Popolare in Piemonte e la sua classe dirigente   - AICI
24658
post-template-default,single,single-post,postid-24658,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Un partito di popolo – Il Partito Popolare in Piemonte e la sua classe dirigente  

Dic 11 2020

Un partito di popolo – Il Partito Popolare in Piemonte e la sua classe dirigente  

Lunedì 14 dicembre – Ore 18:00, Diretta streaming su facebook e sito della Fondazione Donat-Cattin

 

Negli anni del primo dopoguerra tra il reducismo, la crisi economica, il biennio rosso e l’avvento del fascismo una delle poche luci che si accesero nel panorama politico e sociale nel nostro Paese fu quello del partito dei Liberi e Forti pensato, ideato e realizzato da un giovane e minuto prete di Caltagirone, don Luigi Sturzo. Anche in Piemonte il partito di cattolici e uomini liberi e coraggiosi ebbe una breve ma molto intensa stagione dal 1919 al 1925 fino allo scioglimento imposto dalla dittatura fascista. Una ricostruzione puntuale, approfondita e polifonica è stata realizzata ed è oggi pubblica in un poderoso volume “Un partito di popolo. Il Partito Popolare in Piemonte è la sua classe dirigente” a cura di Bartolo Gariglio edito dalla Celid e dalla Fondazione Carlo Donat-Cattin. Cesare Panizza, Alessandro Risso, Vittorio Rapetti, Nicoletta Fasano, Giorgio Aimetti, con Ernesto Billò, Giovanni Cornaglia, Gianfranco Maggi e Giampaolo Testa, Alberto Gemelli ed Elena Mandrino hanno ricostruito le vicende del Partito Popolare nelle province piemontesi, ripercorrendo attività amministrativa, rapporti sociali nelle città e nelle campagne, lotte sindacali e anche le debolezze interne di un partito grande ma molto diviso al suo interno, fino alla sconfitta determinata dalla violenza e dalle leggi liberticide del fascismo.

Introduce
Gianfranco Morgando – Direttore Fondazione Donat-Cattin

 

Interventi
Giorgio Aimetti – Giornalista
Guido Bodrato – Già parlamentare e ministro
Luigi Giorgi – Istituto Luigi Sturzo
Francesco Traniello – Università di Torino
Giorgio Vecchio – Università di Parma

 

Conclude
Bartolo Gariglio – Università di Torino e curatore della ricerca

 

Modera
Alberto Chiara – Caporedattore Famiglia Cristiana

 

 

 

Condividi post